Un Gutturnio Superiore fermo nato dal matrimonio tra le uve di Barbera e le uve di Bonarda dei Colli Piacentini. Tabâr, in dialetto piacentino, significa mantello come se si trattasse di un vino adatto a proteggere i sapori di tutte le pietanze della cucina tradizionale piacentina.